BALBUZIE

É un sintomo dell’apparato fonatorio che ho conosciuto personalmente, e che ricordo e considero con favore.

Pochi si accorgono, senza essere balbuzienti, della balbuzie del loro discorso sincopato, talora balbuziente fino al ridicolo di certe storielle o sketch.

Sospettando ciò nella presunzione, certuni aggravano passando all’afasia, non sempre muta anzi a volte perfino verbosamente faconda, nei casi peggiori saggiamente verbosa, censoria, tutta piastrellata senza lacune come i cessi delle stazioni (non è una volgarità gratuita):
per nostra fortuna siamo capaci di sintomi, corpi estranei rispetto alle piastrelle.

La balbuzie non fa legame sociale, ma non c’è legame sociale che di ex balbuzienti e memori del fatto.

martedì 9 novembre 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.