ESSERE AMATO: SCARRAFONE OVVERO NARCISO

Da sempre, e specialmente in era “moderna”, sfugge l’incidenza politica della puerilità (mai del bambino: è solo adulta) come fattore collettivo della politica:
la puerilità è l’oggetto o, (oppure a), lo “scarrafòne” (Gregor Samsa, Odradek, lo “zimbello” schopenhaueriano), ovvero Narciso:
Narciso, l’ho sempre fatto osservare, dà nome alla più antica cartella psichiatrica dell’umanità, uno schizofrenico catatonico allucinato e delirante, immerso nelle proprie deiezioni.

Certo, non tutti i Narciso o scarrafòne sono psicotici:
alcuni variano la negazione psicotica con rinnegamento o perversione, altri (e sono i più) si difendono come possono (la loro denominazione ottocentesca è “nevrosi”):
il trattarsi di difesa ci fa da guida (ma anche psicotici e perversi partecipano della nevrosi).

Narciso, Odradek, l’insetto, lo zimbello, è l’essere amato, ontologia dell’amore o orrore ordinario:
non importa cosa è, anzi non è, perché è … “amato” e nient’altro:
“amato”, in mancanza di qualsiasi significato, significa fissato, senza moto (corpo-pensiero), quale che ne sia l’imago (fissata):
è la nullità (come si dice essere una nullità) del prodotto non-nullo (autistico) dell’in-amoramento, parola costruita come in-fezione.

Il maniacale Odradek su e giù per le scale è opportunamente detto da F. Kafka “cruccio del padre di famiglia”:
perché questo “padre” ha confuso l’amore con l’iscrizione dei figli all’Albo predestinato degli amati, in sostituzione della loro legittimazione (per legge) come eredi (l’eredità non è dono):
ma insomma, almeno un po’ di Bibbia!

Tra l’altro il biblico Quarto Comandamento:
che ha il buon senso non di prescrivere di amare (assurdità) bensì di “onorare padre e madre”, a scanso di farli a pezzi.

“Amore” condensa da millenni il fantasma di tutti i fantasmi.

Ogni genitore inizia come un badante per legge, benché con obblighi legali maggiori di ogni altro badante:
per il resto se son rose fioriranno, e staremo a vedere se fioriranno.

Riprendo la frase iniziale:
l’o, o la puerilità dalla culla alla bara, è ancora e sempre il combustibile indifferente della politica (e della guerra).

Certo che noi psicoanalisti abbiamo delle belle pretese!:
guarire dall’imago!, impossibile, ma neanche Dio!

martedì 5 ottobre 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.