TRE OGGETTI

Fa seguito al mio incomprensibile (?) articolo di ieri:
l’inesistenza di Primuren e Frimösen si collega con l’inesistenza di questi tre oggetti.

Non dirò subito come questi sono già stati denominati e classificati decenni fa da qualcuno che mi ha giovato:

1° l’insetto in cui si trova trasformato Gregor Samsa in La metamorfosi di Franz Kafka;

2° l’Odradek in Il cruccio del padre di famiglia ancora di Franz Kafka;

3° lo scarafaggio con minor valore letterario di “’O scarrafòne” di Pino Daniele:
la volgarità del cui ritornello è adeguata a descriverne la struttura logica (logica perversa):

“ogni scarrafòne è bello a mamma soja”.

Infatti i due termini triviali designano due posti occupati da due soggetti ivi metamorfosati in oggetti astratti (astratti non per operazione logico-astrattiva ma per … miracolo), designabili come o con la minuscola e O con la maiuscola
(l’Autore cui ho alluso ha usato a e A)
in cui i due soggetti hanno la disgrazia di venire a collocarsi nell’inesistenza di figlio e madre:
potrei anche scrivere in-esistenza cioè esistenza in quei posti ou-topici.

Posti sì ma chi li ha predisposti?, come si sono predisposti?, ma tant’è ci caschiamo come in palude o fogna:
va presa alla lettera l’espressione “Ci sono cascato!” (fin dall’infanzia).

Eppure scarrafòne e mamma soia sono bambino e mamma:
sono due esempi di un’ontologia indiscussa, e realistica:
dunque guardarsi dai fanatici e enfatici di “La Realtà” (anche la fogna è realtà).

“Scarrafòne” e “mamma soia” sono solo nomi popolari di programmi, astratti come tali:
il massimo di realtà virtuale nel massimo di realtà “concreta”.

La maggior parte degli umani perde la vita in questa inesistenza:
il che dà il suo unico senso all’immagine corrente della vita come contenuto tra due parentesi mortali (vedi I migliori anni della nostra vita, martedì 21 settembre), o “sopravvivenza”.

Ma allora non esiste niente?, oppure – con una sottigliezza d’altri tempi cui non gioco più – esiste niente?:
non è stata certo la mia conclusione, ma ce n’è voluta!

O e o, A e a, saperli serve a ogni fine, anche a leggere i giornali:
da tempo leggo i giornali per diagnosi differenziale tra ciò che è o non è scarrafòne (e mamma soia) a tutti i livelli.

Quando un mio paziente fa questa diagnosi differenziale − su sé e fuori di sé − è guarito:
la vera diagnosi (che significa giudizio) è finale non iniziale.

Il nevrotico non regge questo giudizio, il perverso lo rinnega imponendo lo scarrafòne al mondo.

martedì 28 settembre 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.