PLATONE PERVERSO E J. LACAN

L’articolo di ieri, Platone perverso: poi i “valori” e i diritti umani, è appena arrivato, lo richiamo ora con questo supplemento.

Lacan è uno che ha esplorato il campo del linguaggio sì, ma del linguaggio platonico come parole-cose, e lo ha scoperto come il campo della perversione.

Gli ormai inascoltabili balletti verbali lacanistici mostrano di non sapere l’abc di J. Lacan:
poiché “significante” significa parole senza significato o concetto, cioè “cretino!”, quando è poi cavalcato dal perverso significa giù teste come ciliegie.

lunedì 13 settembre 2010

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.