LA VIGNA

Isaia 5, 1-6:

“Canterò il canto del mio amico per la sua vigna.
Il mio amico possedeva una vigna sopra un fertile colle.
Lo dissodò, lo sgombrò dai sassi e vi piantò una vite pregiata, in mezzo vi costruì una torre e scavò anche un tino.
Se ne aspettò buona uva, invece produsse uva selvatica.
E ora, abitanti di Gerusalemme e gente di Giuda, siate giudici tra me e la mia vigna:
che cosa potevo fare ancora per la mia vigna che io non abbia fatto?;
perché mentre speravo di avere buona uva, ha prodotto uva selvatica?
Ora voglio che sappiate ciò che farò alla mia vigna:
ne toglierò la siepe e si trasformerà in pascolo, ne demolirò il muro di cinta e verrà calpestata, diventerà una macchia, non sarà potata né vangata, vi cresceranno rovi e pruni, proibirò alle nubi di farvi cadere la pioggia.”

mercoledì 15 settembre 2010

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.