IL TAVOLO DELLE TRATTATIVE: PSICOLOGIA, ECONOMIA, POLITICA

Il tavolo delle trattative, quando è principio di vita individuale si chiama nevrosi ossessiva:
ci sono sempre due metà campo, ma solo perché prima si è tirata una linea.

Quando è principio di vita politica si potrà anche chiamare diversamente, ma se cambia il nome non cambia lo schema d’azione.

Il principio è la guerra ma tenuta a bada, fin che dura, dalla trattativa sulla linea:
anzi, il principio della linea è l’omicidio, seguirà la fragile alternativa:
tra un rinvio bonario, tollerante e magari donativo, che tanti chiamano sciaguratamente “amore”
(per “amore” uno potrebbe anche dare la vita, ma è solo contabilità cioè un morto c’è stato),
e l’omicidio effettivo:
è per “amore fraterno” che Caino uccide Abele, i due sono intercambiabili, ambedue relativi alla linea che divide i loro campi:
tra loro non ci sono affari, che sono l’unico registro della pace ossia del benessere.

Il tavolo delle trattative si sposta anche tra uomo e donna, Gentiluomo e Gentildonna, sulla linea del tabù della verginità, sempre virtuale e poco virtuosa.

Freud ha chiamato “parricidio” l’omicidio per principio, senza bisogno che venga ammazzato il papà:
che però ne è almeno toccato ogni qual volta il figlio tratta con lui su una linea di demarcazione:
quanti figli trattano col padre come tra Gentiluomini?, appunto il tavolo delle trattative:
nel parricidio è sotto negazione il fatto che “padre”, quando significa qualcosa, significa “eredità”, non amorosità né dono.

Il tavolo delle trattative uccide l’appuntamento, amore non è parlare d’amore ma parlare d’affari.

Ho scoperto volentieri Muhammad Yunus, economista e banchiere, Nobel 2006, inventore del microcredito, che si è mosso in questo senso:
è fuori luogo chiedersi se Yunus ha sentimenti caritatevoli, se ama l’umanità, se il suo cuore è esacerbato dalla povertà:
semplicemente, ha pensato economicamente, e se la parola “amore” regge è solo perché designa un pensare economico senza linea di demarcazione né tavolo delle trattative (quando Yunus ha iniziato non lo ha ascoltato nessuno, né lui ha insistito per farsi “capire”):
l’amore se è è imprenditoriale.

Ciò cui lavoro è a promuovere gli affari come dimensione ordinaria del pensiero, diciamo pure come psicologia.

La “Psicologia” che conosciamo è una psicologia dei poveri, idem la politica:
vorrei molti Yunus della politica, ma non ne vedo.

Che “Dio” ci salvi dall’amore dei genitori o dei politici che amano per “Amore”!:
l’Ideale uccide molto, anche l’amore.

Povertà, ignoranza, psico(pato)logia, sono dei prodotti con un modo di produzione, non dei dati iniziali.

Non sono contro il sindacalismo, ma la linea di demarcazione o tavolo delle trattative che lo contraddistingue  è tentante:
il sindacalismo della vita quotidiana, la vita come contrattazione, è grave anche patologicamente.

giovedì 9 settembre 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.