I MORTI

Sabato domenica 18-19 settembre 2010
in anno 154 post Freud amicum natum

 

Ero ventenne quando ho conosciuto e appreso a memoria una frase di Agostino a proposito dei morti:
ne sentivo un’intensità in cui qualcosa mi dispiaceva, e più tardi ho afferrato che cosa ossia l’emozione che mi produceva, contestualmente all’afferrare che non era una faccenda di fede o non fede.

Ecco la frase:

“I morti non sono degli assenti, sono degli invisibili:
essi tengono i loro occhi pieni di luce
fissi nei nostri pieni di lacrime.”

Non mi piacciono le emozioni, anaffettive e s-pensierate quali sono ossia patologiche, preferisco vivere di affetti felicemente coniugati con il pensiero (la patologia, osserva Freud, è divorzio affetto/pensiero).

Non mi piace che qualcuno muoia, ma una volta successo lo voglio morto, così come io stesso non desidero essere un non-morto ossia di peso per i superstiti:
− è ciò che significa “lutto”, negato dalla melanconia che “vive” di morti viventi, e ne produce altri −,
e se per avventura tornasse vivo vorrei che mettesse gli occhi da un’altra parte, non mi va che mi fissi, lo ha già fatto fin troppo prima:
non voglio l’incubo di “occhi di luce”, brrr!:
non voglio essere fissato specialmente se piango, già da bambino ero come la Rachele biblica che non voleva essere consolata.

Se si desse qualcosa di simile a una resurrezione,
− che per parte mia non mi metto nè a desiderare né a respingere:
potrei sì prenderla in considerazione ma solo come offerta a ragion veduta, perché non potrei considerarla appetibile se sospettassi che potrebbe ricominciare tutto da capo −,
vorrei persone a posto, non gli spostati di prima, spostati specialmente nel fissarmi come oggetto (oggetto a lo chiamava J. Lacan, sembiante fasullo e angoscioso) della loro Idea patogena:
e se “Dio” esistesse con buon senso, non vorrebbe venire fissato (“contemplato”) per l’eternità.

Non per questo desidero che sparisca la memoria di come è andata,
− sia quella di malefìcî sia di eventuali benefìcî che ne siano venuti −,
e ciò perché la salute non è uno stato originario ricostituito ma si costituisce poi per differenza, cioè è il prodotto di un lavoro di guarigione (è ciò che significa “salvezza”).

Se li rivedrò, i “miei cari” o meno cari, li riconoscerò grazie a questa memoria, senza più la puerilità perversa con cui mi hanno fissato chi più chi meno:
se ci sono “santi” è perché non fissano, o sequestrano, non “vivono” in noi per i loro debiti di vita:
chissà, potremmo combinare qualcosa di buono cioè avere un rapporto decente (economicamente), “buono” perché decente:
in latino “decente” significa conveniente, non una tipologia di comportamento, e noi siamo indecenti per averlo dimenticato.

PS

Mi piace questo articolo, fa parte dei tanti sassolini grossi così che tolgo dalle scarpe della mia vita.

I pensieri da bambino restano i migliori:
quando mi portavano al cimitero dai nonni, con gli amichetti giocavo a nascondersi tra le tombe, sembravano fatte apposta.

 

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.