AMO LE PROSTITUTE

Certo che sì, perché amo chi non mi inganna, ora le prostitute sanno qualcosa su cui non mi inganneranno mai, cosa rara:
invece in gioventù mi hanno ingannato proprio coloro che amavo, sciagurato!:
esse sanno che le prostitute non amano affatto (siamo popolari!: che “dar‘la’ via” non è un segno dell’amore, cose da sbellicarsi!)

Poiché questa è una verità esse realizzano un nesso, quello tra sapere e verità, che non si dà quasi mai:
nella scienza non si dà, eppure la scienza è sapere.

Quid est veritas?” domandava correttamente e senza scetticismo quel tale Pilato:
lo aveva appena detto lui stesso − “Quest’uomo è innocente” −, ossia che la verità è quella di un’imputazione, cioè è giudiziaria.

Ora, i Processi in Tribunale sono solo uno su dieci o cento o mille:
gli altri li facciamo noi in un diverso Tribunale, o omettiamo di farli, ogni giorno:
la verità è di tutti i giorni, spicciola perfino:
la “Verità” con la maiuscola è un inganno maggiore e antico, e schizo-frenico cioè la schisi verità/Verità.

Darla via, la mente, affinché qualcuno si prenda la briga di penetrarla e magari fecondarla, non lo fa quasi nessuno:
ciò è detto “paranoia”.

É così raro che quella celebre “la” diventi metafora della mente! − una possibilità esclusivamente umana che non esiste in natura −, eccetto che nel sintomo patologico (frigidità o vaginismo cioè la stessa metafora ma contraria).

Nella mente gli uomini sono così poco femminili!, il che gli risparmierebbe di essere omosessuali anche quando eterosessuali.

martedì 14 settembre 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.