CARTA

Può darsene una sola per quattro:

1° quella che si spende come nel gioco a carte con un partner (può essere anche carta di presentazione, intestata o da visita),
2° la Carta o Statuto o Costituzione (amica della Costituzione italiana),
3° la Carta d’identità, debitrice della precedente (amica di quella rilasciata dal Comune),
4° la carta della matita.

Breve sviluppo su quest’ultima:
è la carta su cui si prende nota, salvo che non la si prenda:

a. non prendere nota è la rimozione (Rossella o’ Hara),
b. il vuoto di nota è occupato da un dramma, azione con tanta anaffettiva emozione,
c. l’atto mancante soppiantato dall’occlusiva azione drammatica − pezza non pièce −, farà mancare o s-venire dall’appuntamento proprio in ciò in cui questo accadrebbe (lo svenire comunemente inteso è solo uno dei cento casi dello s-venire).

Se facessimo l’inventario dei casi dello s-venire, sapremmo in che cosa il mondo non va, anzi che il suo non andare è susseguente al non venire:
non va, e sostitutivamente va troppo, compulsivamente, maniacalmente, angosciatamente ossia con sudore della fronte, oppure catatonicamente con la medesima angoscia.

Il nome tradizionale assegnato a (a.+b.+c.) è “isteria”, derivante  dall’antico pregiudizio che sia una faccenda femminile (“utero”):
correttamente J. Lacan vi ha riconosciuto un “discorso” tra quelli dominanti il nostro mondo:
della cui forma patologica sfugge all’occhio medico, clinico, parte della sintomatologia, oltre che il discorso:
e che, in questo, la patologia isterica è la base di tutte le patologie, tutte s-vengono.

Le altre carte sono cartacce, ossia tutto ciò che nella Cultura è vs pensiero (“Disagio nella Cultura”).

Penso di avere proposto, in Società Amici del pensiero-Statuto, una tale Carta.
lo è della mia persona, giuridica non altra, in cui ius caro factum est.

Riprenderò lunedì 21 giugno.

martedì 15 giugno 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.