ORGASMO E DESTINO

Suggerisco di mantenere l’articolo di ieri, “Zitelle, puttane, nubili, celibi. E il Papa”, con questo supplemento.

L’orgasmo non è la meta − vox populi? −, nel quale caso esso non è affatto gradito né soddisfacente, e può venire perfino detestato quand’anche compulsivamente cercato e ottenuto (appunto come meta) dalla coazione autoerotica, e non solo da questa.

Non è poi diverso dal “flash” o dallo “sballo” solitario dell’endovena di eroina, che trova corrispettivo se non modello, come l’orgasmo-meta, nell’idea tradizionale di beatitudine istantanea (“eterna”) per contemplazione dell’Oggetto “divino”, Stupefacente!:
Impero celeste dei sensi, o dei sensi celesti.

L’orgasmo non è il destino, e non c’è destino:
non c’è, ma solo la sua Teoria o teorèin ostile alla meta, esercito in marcia o godimento da caserma per le larghe masse popolari.

Nella meta quodlibet:
senza preselezione né prescrizione, nel sì o nel no, quanto al quod, incluso contingentemente “quello”:
di passaggio, noto che il cinema lo rappresenta  solo al femminile, perché?

La meta è l’affare, tesoro, di partner autonomi, singles, proprio nel fare rapporto, Soggetto e Altro soggetto, compagni in contatto sensibile solo nella contingenza:
ripeto, nel tesoro quodlibet.

Tesoro non è avarizia, granaio colmo, soldi nel materasso cioè dissimulazione della povertà, o il “Tesoro mio!” di Gollum o quello detto alla “bella”:
gli affari continuano.

martedì 18 maggio 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.