AL DIAVOLO! … QUEL CHE É DEL DIAVOLO

Ho appena appreso che in un certo Sito io figuro in una lista di “Terroristi pericolosi con mandato di cattura infernazionale” spiccato da una “Polizia Infernale”:
occhio-croce, buone intenzioni a parte di cui l’Inferno è lastricato, mi sembra adolescenziale, ma mi fa da spunto per un appunto sul “Diavolo”.

Inizio con l’osservare che, etimo a parte e anche i precedenti testuali e dottrinali, ne è sempre mancato il concetto, che provo a proporre anzi a riproporre.

Rammento una Signora ben collocata in alta Sede, che mi avrebbe acceso in Campo dei Fiori per avere io sostenuto che il Diavolo è un cretino, e mi ha maschiamente replicato che invece è il più intelligente di tutti (forse perché lei si considerava all’altezza!):
più intelligente anche di Dio perché, essendo quest’ultimo così Alto Alto Alto, non deve preoccuparsi di avere requisiti tanto umani come l’intelligenza (vecchia storia, da Aristotele a Averroè a Tommaso d’Aquino et  coetera):
e osservo che infatti tra le tante decine di suoi attributi, l’intelligenza non figura:
insomma un debile sublime, che significa l’Alto del basso, povero Dio!

Il Diavolo è il Sommo Idiota, che ha come unica decisione intelligente quella strategica, algoritmica, informatica, di rendere tutti come lui:
allora il nostro mondo è davvero … diabolico.

Proprio come lo schizofrenico catatonico (“demente” lo chiamava Kraepelin), che non muove un  dito se non obbligato, ossia ferma il traffico cioè vuole tutti come lui.

Freud ha definito “armer Teufel”, povero diavolo, il perverso, e aveva ragione:
io sto solo aggiungendo che è vera anche e anzitutto la reciproca, ossia che il Teufel è arm.

Lo diceva anche Gesù, che è andato alle celebri tentazioni nel deserto per togliersi e togliere i sassolini dalle scarpe, facendo osservare al Diavolo che è proprio stupido a offrirgli ciò che era già suo:
era già successo nell’Eden, infatti perché offrire ai nostri sciagurati progenitori di diventare come Dio, se già lo erano?

mercoledì 19 maggio 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.