UN’OBIEZIONE, E LA BIBBIA

Il mio articolo di ieri ha ricevuto un’obiezione:
là dove dicevo che non mi sento migliore di altri, cosa cui peraltro tengo in quanto superiorem non recognoscens.

Certo, per superiorem non recognoscere
− il che non si oppone all’autorità legittima, ossia non è vandalo né anarchico –
occorre non essere asserviti alla e servitori della patologia, che è l’unico superior, super-io.

Non mi sogno neppure di toccare il “Cielo” con il dito, né la sciocchezza, già biblicamente condannata da “Dio”, di toccar“lo” con una stupida torre.

Se ci abbiamo provato, è solo perché la lingua si era già confusa prima, de-menzialmente.

Mi si allunga sempre più la lista dei luoghi biblici in cui sono descritti dei tratti psicopatologici, ma anche dei tratti sani:
insomma, nella Bibbia prevale ancora la nevrosi.

venerdì 30 aprile 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.