IL PANE QUOTIDIANO

Ciò che mi piace di più del “Padre nostro”, è che nella parte applicativa si occupa di pane quotidiano, e di debiti e tentazioni (che nel mio caso mi danno il pane quotidiano).

L’articolo di ieri dovrebbe tenere il cartellone a lungo, venire quotidianamente riscritto e articolato.

In esso, ho detto, ho anche risposto a J. Lacan, mio analista e maestro, che per una vita ha posto in forma di sfida sempre una sola questione:
nella mia vita e nei secoli, ha detto, io non incontrato “Padre” che come puro significante (anche in Agostino), ossia senza significato o concetto, non pensabile:
adesso, dite voi.

Ieri sono stato esplicito nel rispondergli, cioè ho collegato il mio lavoro con il suo.

Ma la risposta formale era già il pensiero di natura:
senza sottomissione alla tradizione linguistica (“padre”, “amore”), ma senza rifiutare di riconoscerle quel tanto di buon grano che nonostante tutto ha prodotto, ma senza più possibilità di riprodurlo.

lunedì 26 aprile 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.