L’INCUBO AMERICANO

Su queste pagine mi sono dichiarato filo-Obama da subito, e non ho motivo di recedere, ma in occasione dell’attuale successo politico sulla Sanità provo ripugnanza, non per il successo di Obama ma per il generale bieco tripudio per questo:
è semplicemente accaduto che nel paese alfiere mondiale del progresso, della democrazia, della libertà, dell’uguaglianza (dimentico qualcosa?), ha iniziato a essere tolto lo storico abietto vulnus americano a tutto ciò.

Obama e  la sua legge sono stati accusati di socialismo, o di comunismo:
era già successo a Roosevelt, che ha trattato l’accusa con umorismo, peccato che umorismo e critica non bastino mai:
ma uno come me, amico di Freud, non ammette il semplice rovesciamento dall’impotenza delle armi della critica alla dubbia potenza della critica delle armi:
non è una questione morale ma analitica, anche la critica delle armi finisce nell’impotenza:
diverso è dire che la rivoluzione non è un giro di valzer.

Anche in Italia l’accusa di comunismo si spreca, rivolta com’è a parti politiche che di comunista nulla hanno (“sinistra”), essendo parti culturalmente e politicamente nate dalla cancellazione accurata di ogni traccia dell’intelligenza di Marx,  che rifiutava di occuparsi di classi sfavorite perché sfavorite:
il piagnisteo (sindacale?, pretesco?, e il ceto pretesco va aldilà dei preti) sulle classi sfavorite le trasforma in classi sfavorite piagnone.

É però vero che la storia del comunismo ha negato nella propria Costituzione politica e psicologica il principio di piacere, come esso stesso un Principio costituzionale, il pensiero come prima virtù nonché lusso:
è stato proprio un giurista bolscevico, M. Rejsner, a definirlo così:
lo stalinismo è intrinsecamente anche questa negazione, e non solo il cumulo di crimini che gli sono collegati:
c’è un legame tra i due fatti.

La legge sanitaria di Obama è “comunista” solo se presentata come un progresso statale del “sogno” americano, anziché come una doverosa, tardiva e solo parziale correzione di una protratta inescusabile pecca di civiltà, un incubo americano:
vero che è meglio se le bombe cessano di cadere, ma rifiuto di chiamare piacere o desiderio o successo la cessazione della loro caduta.

martedì 23 marzo 2010

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.