IL SASSO MISTICO

Per la seconda volta ripropongo l’articolo “La Grande guerra sull’io” di sabato-domenica.

Segnalo una frase che in esso mi si è prodotta felicemente:
“Non esistono i sassi se non nelle leggi di moto dei sassi, altrimenti sarebbero dei sassi mistici, e il sasso mistico è storia moderna del pensiero (Swedenborg)”.

Eccoci arrivati al mistero del sasso, alla sua ontologia e alla relativa adorazione, molto di più che quella del troppo carnale vitello d’oro.

Un’indubbia proprietà del sasso è che non ha angoscia:
si può ottenere la sedazione da questa con i farmaci (anche le droghe lo sono), per riduzione allo stato inorganico (polvere o sasso), per passaggio alla demenza:
l’identificazione al Capo è un caso di de-menza come lo è l’innamoramento.

Il Capo dell’identificazione di massa o gruppo potrebbe anche essere lui un idiota, sorretto da un algoritmo che lo mette in scena come ologramma.

Il sasso mistico è un protagonista della Grande guerra sull’io.

Una pecca, ma per altri una virtù, della mistica è la miseria o diseconomia materiale e mentale o spirituale:
non ci sono due specie di ricchezza.

martedì 30 marzo 2010

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.