DEL NARCISISMO O DELL’INSUCCESSO

Siamo sempre alla Grande Guerra sull’io, io sono entrato in campo gravato da incertezze verso la fine dei ’60.

L’altro giorno un quotidiano (Repubblica 8 febbraio) ha estratto il libro del sociologo americano Christopher Lasch “La cultura del narcisismo”, 1979, con tante querimonie sul nesso narcisismo-successo, e via con la preteria universale di destra e sinistra, credente o miscredente, e con la lamentazione dell’oggi che fa da contrafforte alla lamentazione di dieci anni prima, destino della sociologia (con qualche eccezione, M. Weber per esempio).

“Poveri ma belli” è la versione moderata dello slogan universale di Narciso, falso come una moneta falsa:
infatti i poveri sono sempre brutti:
l’Idea di “populismo” si riconduce a questo slogan, diciamo sciacquette e deodoranti nella sua forma pubblicitaria.

Non moderata è la versione originale del miserabile Narciso del mito, a mollo nelle sue deiezioni e nella sua Eco allucinatoria, come pure, e correlata, quella del Narciso dell’innamoramento, a mollo nel suo iri-da-iri, ossia ancora una Eco benché delirata anziché allucinata (vedi “La Donna” di Leopardi):
si potrà poi discutere fecondamene se venga prima Narciso o Eco (non come uovo e gallina).

“Narciso” significa gente che non si dà una mossa, per usare un’espressione linguistica felice, e proprio questo significa “narcisismo”:
salvo poi non ritenere terminata l’individuazione del narcisismo prima della distinzione, che ho introdotto, tra oggetto e materia ai fini dell’investimento:
questa distinzione introduce la legittima suspicione sulla Storia stessa, anche del pensiero, come Storia del narcisismo.

Non-mossa, s-venimento dal moto e dalla legge di moto, significa inimicizia per il successo, quando il successo significhi succedere, accadere, e non successione.

Vale però questo gioco di parole che propongo:
che il nostro Mondo non ha successo nell’accadere:
e qui torna giornalisticamente, giornalmente, attuale Freud che si è occupato del principio dell’accadere:
al singolare perché il secondo (“di realtà”) non è che la riedizione del primo (“di piacere”):
e non, come tutti hanno troppo precipitosamente concluso, il passaggio a quel realismo banalizzante in cui J. Lacan ha riconosciuto il dominio del fantasma (o, come dico io, della Teoria):
che è privo di realismo, nonché di consistenza (la logica del fantasma non ha consistenza, ma su J. Lacan tornerò).

Tutti adoriamo fanaticamente il Capitalismo, anche se non lo sappiamo e non sappiamo bene cos’è, perché esso resta l’unica forma “grazie” alla quale succede ancora qualcosa:
capisco che Calvino deducesse che il successo è segno della Grazia, ma solo perché lui credeva di stare facendo della Teologia:
una volta si tremava per il Trono e l’Altare, oggi si trema per il Capitalismo, anche da disoccupati e precari, e naturalmente “da sinistra”.

mercoledì 10 febbraio 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.