NOSTALGIA E DESIDERIO

La nostalgia è la lingua che batte sul dente che doleva:
il principale oggetto della nostalgia è la guerra:
milioni di esperienze, e una non meno sterminata letteratura e cinematografia, lo attestano sterminantemente:
anche in materia di amore e non solo di guerra guerreggiata:
parlo della melanconia.

Il desiderio prepara un posto occupabile da qualcuno che saprà essere degno di approfittarne (siamo a corto di adprofittatori):
c’è intercambiabilità dei posti:
è un dispositivo a sorpresa logica, di cui mancano quei dispositivi logici che sono gli algoritmi (tra questi quelli militari sono solo un caso particolare).

Sorpresa non è stupore, angoscia sedata dal taglio della testa.

Desidero un regno di se-duttori e ad-profittatori, di gente che ci sta con la testa che ci mette.

Milano, 22 dicembre 2009

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.