LA SOVVERSIONE ECONOMICA FREUDIANA

Non svolgo il tema appena accennato:
lavoro sì ma affinché anche altri lavorino, come me, producendo un tesoro comune.

Mi ci è voluta un’infinità di anni per scoprire … l’acqua calda (vedi “L’acqua calda”, mercoledì 7 ottobre):
ossia che l’aggettivo “economico” impiegato da Freud è perfetto, e che dunque esso non attende affatto di venire legittimato, “spiegato” e magari sussunto benevolmente dalla Scienza economica (sistematizzandolo nella psicologia economica, di cui esistono già esempi illustri):
è la Scienza economica a doverne assumere il concetto per potersi ritenere completa, o perfetta, nel senso di  dare soddisfazione al proprio nome, ossia per la soddisfazione universale (un’espressione facile in epoca di economia “globale”):
qualcosa di simile ho già detto per la logica, e anche per la morale.

In “Il problema economico del masochismo” (1924) Freud tratta il dolore cercato, il masochismo appunto, come fattore economico, al punto che potremmo elencarlo tra i “fondamentali” dell’economia, quello detto “libidico”:
ma che cosa significa?:
è già esaustivamente detto, arrangiatevi dato che riguarda le vite di ciascuno e di tutti.

Da Freud la guarigione stessa è concepita come un fatto economico (nonché “topico” cioè giuridico), la questione infatti è:
com’è che moltissimi uomini – e donne si aggiungerebbe in politichese – sono disposti all’economia in perdita?
– che ho ripartito come lucro cessante, danno emergente, lucro non emergente -,
pur di non perdere il guadagno economico (Gewinn) libidico:
si tratterà di discutere se non si tratti di illusione di guadagno,
e poi del guadagno dell’illusione,
e del guadagno del propagare illusioni,
fino a perdersi, come appunto facciamo, a disquisire del guadagno del perdersi, del perdere, del fallire.

Il masochismo come fattore economico è entrato anche nel linguaggio morale, da certe parti si parla infatti di “offrire a Dio” le proprie sofferenze:
ora, si offre solo ciò cui si annette valore, proprio come sono esistiti i sacrifici animali:
ma perché no?, a condizione che si sappia che si offre valore:
il che è ciò che nessuno vuole sapere, con l’eccezione apparente dei perversi.

Poscritto

Ho ottenuto l’ennesimo lapsus del correttore automatico, “lipidico” anziché “libidico”:
buon lapsus,  dato che quasi tutti ne hanno un’idea grassoccia.

Ma l’elettronica non fa lapsus:
lo ha fatto il programmatore per non avere protetto reciprocamente le parole “libidico” e “lipidico”.

Vorrei che suonasse inutile la precisazione che il lapsus, sempre e solo umano, non si produce automaticamente, il computer è impotente a produrre lapsus:
chi l’avrebbe detto, che il lapsus è un profitto?, di cui pochi approfittano.

Milano, 30 ottobre 2009

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.