UNO, CENTO, MILLE TRUISMI

Il “Che” non avrebbe saputo dirlo.

Precede “Verismo-truismo” di martedì 30 giugno, che precedeva già l’articolo di ieri, giovedì 2 luglio, “ ‘Rimozione’: parola psicoanalitica?”

La competenza inalienabile in truismi riabilita e definisce il “buon senso” contro la sua diffamazione “dotta”:
caso in cui è il dotto ad acquisire umanissime orecchie d’asino.

Dei truismi, ho già detto che ognuno può fare la sua lista (con l’invito a lavorare poi sulla lista stessa), con una competenza (di pensiero) trascendente i “dotti”.

Ne produco ora uno, sempre lo stesso e identico per tutti, la solita “solfa” dell’umanità (ecco già un truismo, distinto da quello che segue):
è un truismo che sui sessi c’è una maledizione, inesplicabile e inesplicata da tutte le morali e le psicologie:
potrei aggiungere “Benedetto chi sappia dirli-bene!”, ossia quasi nessuno.

La male-dizione è confermata dalla materialità letterale e fonetica della lingua e di tutte le lingue, che sa solo dirli male (non devo dimostrarlo), e non per difetto negli studi.

Non hanno qui importanza primaria le solite stregonerie psicoanalitiche sulla sessualità
– un altro truismo è che non sono affatto stregonerie ma ora non importa,  concesso -:
sto solo osservando che dette stregonerie arrivano solo secondariamente all’osservazione che il pensiero può fare del fatto, ancorché incomprensibile, della maledizione.

Non meno truismo è l’impensabilità degli atti sessuali tra i genitori.

Ancora e ancora prima, è truismo l’osservare che tra gli umani la vita sessuale esiste solo allo stato metafisico, o anche trasfigurato, nel bene o nel male
– è ciò che significa “umano” -:
gli organi implicati, anzi l’intero organismo sotto ogni aspetto anche cutaneo e olfattivo, assumono esistenza (di corpo) aldilà delle loro funzioni biologiche.

Rammento che Freud ha valorizzato altri truismi, per esempio e anzitutto che nel pensante gli organi dell’alimentazione esistono trasfigurati (“pulsione orale”):
per saperlo non occorre la psicoanalisi.

Riguardo a questi e altri truismi Freud ha soltanto rilanciato quel Salmo che dice:
“Hanno occhi ma non vedono, hanno orecchi ma non odono”:
anche questo è un truismo, annotato dal Salmo ma annotabile da chiunque.

Per iniziare un’analisi Freud ha posto come condizione non la psicoanalisi stessa
– caso del medico, salvo il punto che rende sana la medicina: il medico, come lo psicoanalista, esige il truismo “mi fa male lì” -,
bensì il riconoscimento di qualche truismo cioè un pensiero almeno residualmente competente:
ecco l’“analizzabilità”.

Questa esiste a partire dal riconoscimento di sintomi non riconducibili alla causalità naturale:
di solito ci accontentiamo di chiamarli “psicologici” o “su base psicologica” e non organica, e facciamo bene:
così facendo riconosciamo che il “linguaggio popolare” è competente in psicologia più di tutta la Psicologia.

La “psicoanalisi” si propone come trattamento curativo degli inconvenienti della trascendenza umana:
essa è una derivazione e un’applicazione del pensiero sano e dell’amicizia per esso:
ci ho messo decenni per arrivarci, oggi è un truismo.

Milano, 03 luglio 2009

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.