VERISMO-TRUISMO

La parola italiana “verismo” equivarrebbe letteralmente alla parola anglofona “truismo” (truism da true e truth), se non fosse che in italiano,  ahimè, è già stata impegnata, infelicemente impegnata:
a designare una corrente letteraria di fine Ottocento con le firme di Verga, Capuana, Serao, Deledda, Fucini e altri, sulla quale ometto per ora ogni commento, come pure sul nesso tra verismo italiano e naturalismo francese (Zola).

Ora abbrevio rispetto alle lentezze secolari, o decennali (cioè le nevrosi):
un truismo, un verismo, non è lapalissiano (ne ho parlato nel “Pensiero di natura”), né banale (idem e altrove):
è ovvio sì, ma solo perché ciò significa incontrato per strada, ob-viam, una verità alla portata di ognuno e tutti, un’evidenza (lasciamo a parte Cartesio) come un’inferenza di competenza prespecialistica universale, riconoscibile e asseribile da chiunque, primato del genericismo sullo specialismo che è l’apparato sapienziale di “quelli sì che se ne intendono” (di verità)
– “specialisti in verità” è davvero grossa!, anche questo è un truismo -:
anche “la carne e il sangue”, il naturalismo, allontanano dal truismo o verismo.

Concludo: la verità propria del truismo, cioè la verità e basta, è una sola:
è quella dell’imputazione di un atto (merito o demerito), e come tale è realistica, senza “soggettivismo” ma anche, e in definitiva per la medesima ragione, senza “oggettivismo”.

Mantengo variandola la definizione tomistica di verità:
adaequatio intellectus [anziché ad rem] ad actum”, perché l’atto non è meno reale (res, realtà non oggetto) della res-cosa:
anzi, la res-cosa finisce de-realizzata, nichilizzata, dalla mancanza d’atto (fatto tipico di tutte le patologie, vistosamente nell’anoressia):
è questo il “nichilismo” (Kierkegaard).

La realtà dell’atto con-pone la realtà della cosa:
sto mandando in pensione gran parte della storia della filosofia.

Ce l’ho (senza polemica) con gran parte della storia della filosofia, perché continua a sostenere che il truismo, ossia la competenza sulla verità, non esiste, salvo in alcuni pochi che avrebbero il monopolio della verità (“in tasca”), foss’anche per disputare che non esiste:
i due versanti del fronte non differiscono molto, e per questo “dialogano”.

Se c’è verità, è truismo:
o vero o falso che un atto ha prodotto beneficio o danno:
e l’atto intellettuale è il primo degli atti.

La psicoanalisi è un elementare, facile, modesto, coraggio intellettuale per il truismo, e ad esso incoraggia il paziente o cliente.

Ciò fa inferocire il Filosofo, anche quello simpatizzante con Freud su cui fa discendere la condiscendenza dell’esperto in verità.

Freud è stato il primo amico del pensiero, e dal merito (imputabilità) di tale amicizia ha tratto verità e affidabilità:
avrebbe potuto dire al pensiero “Non la mia ma la tua volontà sia fatta”, il che mi ha consentito di costruire la battuta:
“Freud siede alla sinistra del Padre come Gesù alla sua destra”.

Invito a fare una lista dei truismi semplicemente usando carta e matita, elencando quelli incontrati sulla via della propria esperienza.

Milano, 30 giugno 2009

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.