UN TORVO SERVIZIO NAZISTA. O LA VERA DISPUTA

Sabato domenica 20-21 giugno 2009
in anno 153 post Freud natum

 

Lettura di:

S. Freud
L’uomo Mosè e la religione monoteistica
OSF 11

A. Colombo   R. Colombo   G. B. Contri
M. D. Contri   G. M. Genga   V. Ferrarini   M. G. Pediconi
Mosè Gesù Freud
Sic Edizioni 2007

[Già l’anno scorso ho avuto la medesima svista:
Freud è nato il 6 maggio 1856, avrei dunque dovuto incrementare la numerazione da 152 a 153 già dal 6 maggio u.s.]

Ieri ho annunciato per oggi l’articolo intitolato:
“Ivan Karamazov: Manifesto della pedofilia. Il predicato”,
ma all’ultimo momento ho pensato bene, giornalisticamente, di rimandarlo sostituendolo con quest’altro.

I giornali hanno appena dato notizia che c’è qualche nuovo inconveniente nel processo di beatificazione di Pio XII, una vecchia incurabile noiosa storia sulla quale non ho voglia di tornare:
ero molto giovane quando ne ho sentito parlare, vedi il vecchio R. Hochhuth, “Il Vicario”, 1963:
in quegli anni cominciavo a imbattermi nella questione della curabilità (Freud) come questione universale.

L’ormai tradizionale anzi vecchia (non è la stessa cosa) disputa su Pio XII mi sembra inquinata o meglio zoppa:
propongo un modesto contributo per incrementarne e forse variarne i termini:
resto dell’idea che le vecchie storie trovano soluzione solo in avvenimenti inediti.

Che cosa abbiano in comune Ebrei e Cristiani, foss’anche come disputa comune, ai giorni nostri mi sembra oscuro, e sarebbe ora di finirla con la vecchia favola del monoteismo (la torbida favoletta dei “tre anelli”):
quale disputa?, “ai posteri …” o forse mai (ne ho parlato in “Mosè Gesù Freud”).

C’è una verità annotata da Freud nel “Mosè”, scomoda per tutti anche per contendenti non apparentemente implicati:
il Nazismo ci ha reso un e un solo servizio, un torvo servizio, a noi Ebrei e Cristiani:
quello di considerarci ambedue da sterminare, salvo cominciare dai primi perché i secondi erano ancora un boccone troppo grosso.

Non potrei giurare che Pio XII l’avesse capito, ma potrei essere più reciso:
penso che non lo potesse pensare, e non per non avere letto Freud, che era nelle sue mani come in quelle di tutti:
ma chi glielo obietterebbe?

La vera disputa è quella che non si fa mai
– le dispute correnti ne sono dei surrogati -:
nel presente caso, quale?:
lo posso domandare per avere già risposto.

Milano, 20-21 giugno 2009

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.