LA RES PUBLICA DEL SUFFRAGIO UNIVERSALE

Introduco l’odierna Festa della Repubblica a partire dall’articolo di ieri, “Marx non è di sinistra”, in cui si tratta già di res publica.

É la ricorrenza del Referendum istituzionale del 2-3 giugno 1946 sulla forma di governo (monarchia o repubblica), indetto a suffragio universale inclusivo delle donne per la prima volta.

Porto alla luce il fatto che il pensiero libero scoperto da Freud vota sempre, in tutti e in tutte le materie in cui ha interesse a votare):
anche in mancanza di libertà politica di pensiero-espressione,
e perfino quando esso è censurato fino a non votare più (patologia):
ciò grazie a quel residuo attivo e sano di esso che è stato chiamato bene o male “inconscio”.

É un suffragio universale senza distinzione di sesso, censo, istruzione, età, razza …,
che non attende, e in particolare non attende Referendum:
vive nella legalità del permesso giuridico, e dunque non domanda permesso.

Il suffragio universale se lo prende, legittimamente, non violentemente, la lotta non è suo mezzo di … lotta, anche se la riconosce come quel precedente (lotta al pensiero) che ha agito a suo sfavore.

Il desiderio
– una parola con cui usa sciacquarsi la bocca, anche con la vana speranza di suscitare qualche brivido –
è un voto, una dichiarazione a favore cioè un atto:
non un auspicio, un augurio o un sogno (il sogno non è un sogno, è un costrutto), ossia un’illusione.

A paragone del suffragio universale del 2 giugno, confesso che mi fa ancora una certa impressione l’osservare quanto poco suffragio universale c’è nel nostro mondo, cioè poca res publica:
di cui il nostro mondo, compresa la sua politica, è a corto, a-meno.

PS

Ho tagliato corto in una delle solite discussioni su destra/sinistra, con un esempio corrente di destra:
quello dell’adulto che dice a un giovane: “Fatti le ragazze (ma ormai, ‘democraticamente’, i ragazzi), senza pensare!”,
sul modello della linea retta che collega la pistola al bersaglio,
e così via:
“fatti non parole!”, “andiamo al sodo!”, “essere concreti!”,
e tutte le cento espressioni linguistiche di odio per il pensiero, cioè l’odio.

La destra precede gli schieramenti politici, è nella lingua:
non ho affatto detto che è la lingua (tentazione di J. Lacan, teoria di R. Barthes).

Spesso il nevrotico ci casca, perché è proprio col pensiero che non è in regola, non con “le ragazze” o con qualsiasi altra “cosa” o res:
che, per il pensiero sano, è sempre publica.

Finale non-mistico:
se esistesse un “Paradiso” sarebbe una repubblica, regno di pensanti, corpi (Körper-ich, Freud).

Milano, 02 giugno 2009

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.