CHI MI AMA MI SFRUTTA

(verità economica)

 

Chi mi ama mi sfrutta:
mi mette al lavoro per la produzione di ricchezza,
con una remunerazione che è godimento del tesoro prodotto (diversa dal salario).

Non ho certo detto che chi mi sfrutta (lavoro salariato dopo la schiavitù) mi ama.

Il caso peggiore è un altro ancora, terzo, minaccioso oggi:
quello in cui non c’è né sfruttamento né amore:
che sia questa la “Crisi”?,
storicamente nuova in tal caso, senza paragone con quella del ’29.

Si allunga la lista di parole destinate a significati opposti:
sfruttamento, lavoro, precariato, occupazione … , amore (parola sempre oscura), godimento (idem).

Solo il povero non è sfruttabile, in ambedue i significati, salvo che dall’ideologia morale dell’eccipiente,
e senza essere plebe:
il povero non è uno sfruttato, è uno sfrattato, con tendopoli quando va bene.

Intelligenza-economia-salute vorrebbero che ci rendessimo sfruttabili, nel primo e secondo significato.

L’ontologia amorosa – “amare per ciò che uno è” -, né ama né sfrutta.

Questa pagina potrebbe venire letta come commento al celebre “L’albero si giudica [non dall’essere che è ma] dai frutti”,
e ad altro ancora.

Milano, 05 maggio 2009

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.