L’ENTEZZA: ONTOLOGIA, PATOLOGIA, DISAMORE

La lentezza si presenta spesso, benché non solo né anzitutto, come vero e proprio sintomo (misurabile in quantità di tempo e danno):
risaliamo ora al principio, anche del sintomo.

Siamo tutti filosofi, anche nel sottosviluppo scolastico o nozionistico per non dire ignoranza belluina (comunque l’ignoranza umana è solo umana, niente di animale).

La lentezza
– sempre intellettuale, che nella motricità può svilupparsi come lentezza oppure fretta –
è l’entezza, intendo proprio l’ente dei filosofi.

C’è l’entezza quando si giudica l’ente non dai suoi frutti ma da sé
– ed ecco anche il “sé”, il “self”, il “Selbst -,
cioè quando si contravviene al detto e norma che “l’albero [l’ente] si giudica dai frutti”.

La lentezza è non partire da conclusioni raggiunte (le conclusioni sono frutti), cioè è non partire (S. Kierkegaard).

Tra lentezza e fretta (quella che Freud riconosceva comune all’americanismo e al comunismo), non è vero che in medio stat virtus  (critica di Kant a Aristotele, “Etica nicomachea”):
il tempo
– del movimento: ecco il nocciolo della questione –
è regolato dall’appuntamento, si tratta di arrivare in tempo secondo il patto.

Il tempo della patologia è corruzione del tempo, fatto per non arrivare mai, obbedisce al comando “aspettami, io non vengo”, nell’isteria, nell’ossessione, nell’agitazione psicomotoria, nella catatonia.

Il tempo dell’appuntamento è arrivare in tempo, giusto-giusto, è giustizia:
è nel ritardo o nel non venire affatto che siamo degli ingiusti:
se esistesse un salvatore, arriverebbe in tempo, senza mentire facendosi valere come l’entezza dell’Ente.

É il problema della Rivoluzione, fretta o ritardo:
non che la Riforma abbia fatto meglio.

La psicoanalisi arriva in tempo, già nella prima seduta o primo appuntamento, è già e subito lì:
poi le si oppone l’entezza:
anche uno psicoanalista può prendersi come l’entezza, che trova espressione nel non parlare in tempo, giusto-giusto.

L’ente è lento, nella lentezza come nella fretta, quando non è trattato per l’appuntamento (in “Essere e tempo” M. Heidegger non ci aveva nemmeno pensato):
l’ente in sé non viene mai, pretende sempre di essere-e-basta, presente, non attende di essere-stato, cioè di esistere al futuro anteriore.

Tutta la patologia è ontologia di massa, anche in coloro che non hanno mai udito questa parola filosofica:
la bêtise di massa ha un punto d’incontro con la bêtise filosofica:
ho già fatto un cenno alla bêtise che Platone ha in comune con i prigionieri della sua sala cinematografica detta anche “caverna”.

L’entezza è culturalmente designata con precisione a livello di massa dall’espressione spietata, durissima e durissima a morire:
“Voglio essere amato per quello che sono”,
e tutto si ferma nella spirale infinita, sintesi odiosa di tutte le patologie, del dis-amore.

Il tempo dell’appuntamento decide della civiltà e dell’amore, come dire del pensiero.

Ma almeno, la patologia è la migliore critica filosofica dell’ontologia.

Bisogna correggere Cartesio in “cogito ergo adsum”, come suggeriva G. Genga tempo fa.

PS

Mi sembra di ricordare (con vera o falsa attribuzione) di avere attinto e tradotto da J. Lacan:
lenteur-l’entezza,
ma non sarebbe la prima volta che gli attribuisco, come già a Freud, una trovata mia:
per esempio, mi è successo di attribuire a Freud l’osservazione e concetto di “rifugio nella guarigione” a fianco del “rifugio nella malattia” (conto di tornarci).

Milano, 28 aprile 2009

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.