DALLA LINEA DEL PARTITO AL PARTITO DELLA LINEA

Una volta i Partiti avevano “la linea”:
oggi non ne vedo più, ma non sto rimpiangendo i bei tempi andati.

Me c’è un altro Partito,  antico, anzi vecchio, e nuovo:
è quello che ha come linea la Linea stessa:
non una linea direttrice ma una linea bisettrice.

Sto per dirne il nome, ma rallento perché già sento, senza allucinazione uditiva, i commenti:
“Il solito che, psicoanalista, cerca di rilanciare le idee freudiane”:
il che è vero, ma il loro seme non ha fatto abbastanza seminario, oppure noi seminaristi siamo stati come tutti i seminaristi.

Ebbene sì, il nome démodé del Partito è “Nevrosi”:
la quale non solo è rimasta incompresa, ma nell’incomprensione di essa si è cercato nei decenni (storia della psichiatria, ma anche della psicoanalisi) di farne dimenticare anzi sparire il nome:
perfino il suo antiquariato lessicale sembrava eccessivo.

Come ho ripetuto l’altro ieri (“ ‘Inconscio’: domenica dimezzata”, martedì 12 gennaio), non sono incollato ai nomi (“pulsione”, “inconscio”, e la lista prosegue), anzi ho procurato di rinominarli senza cancellare la memoria dei precedenti:
ma ancora oggi osservo che quasi tutti sono tentati di tornare indietro al dialetto di gruppo degli psicoanalisti:
che poi si è suddiviso in sottodialetti, come in tutti i sottoprovincialismi delle province.

Rinomino la nevrosi come il Partito della Linea:
dura e pura come una volta si diceva dei comunisti, la cui durezza e purezza si è semplicemente generalizzata sotto le spoglie di formazione reattiva generalizzata, ubiquitaria:
essa esiste, ex-siste, extra-esiste, nella sua astrattezza incontaminata e dominante:
io di qua tu di là, guerra civile endemica intrattenuta anche quando si “dialoga” o ci si guarda negli occhi perdutamente.

É il Partito del Non-venire, perché la Linea, una volta posta, o non la si oltrepassa, o se lo si fa è perché la si abbatte, ossia la violenza (vel-vel cioè Kierkegaard, non aut-aut):
nel regime della linea, ogni trattamento è maltrattamento:
con incremento del mercato di guanti di velluto, ma un mercato che potrebbe interrompersi bruscamente.

Poi la Linea assume forme diverse, che si ha la dubbia libertà di “scegliere”, e Freud parlava di “scelta della nevrosi”:
dunque attenzione ai fanatici che parlano sempre di “libertà di scelta”:
il giorno che entro nell’ordine di idee della libertà di scelta se mangiare, è la data del mio ingresso nell’anoressia, in cui non vengo più al cibo.

Isteria (“aspettami, io non vengo”) e ossessione (“ti aspetto, ma agirò in modo che tu non possa venire”), ma poi anoressia (ne ho appena detto), paranoia … , sono tutte forme del non-venire o del Partito della Linea, e così per tutta la Psicopatologia:
l’ossessivo per primo non riesce a farsi una ragione del suo essere un militante del Partito della Linea.

C’è un’altra forma ancora, quella di massa o gruppo in cui si sistematizzano (come in un’ammucchiata) le precedenti forme patologiche:
guardate una Massa nelle fotografie delle grandi Adunate storiche:
vedrete, come agli infrarossi, un fitto reticolo di linee che dividono ogni individuo da tutti gli altri, e tanto più quanto più sono a stretto contatto fisico:
qualche autore di fumetti, bello spirito, ha disegnato ammucchiate di massa.

Dunque si vigili sull’ideologia del contatto, del concreto eccetera, e specialmente dell’emozione, oggi la parola più di massa tra quelle che occupano il mercato del linguaggio:
potere dell’astrattezza nel comandare il concreto, feroce boyscoutismo collettivo:
privo di poteri logici ossia astrattivi.

La Storia è il destino di massa del pensiero, anche in ciò che crediamo democrazia uguaglianza fraternità libertà:
dunque vigilare sull’istorizzarsi (J. Lacan diceva “shistorisers’hystériser”).

Vi sembra eccessiva l’ambizione di un’Amicizia del pensiero come eccezione alla sregola, in fondo anarchica, della Linea?

La formula S-A del pensiero di natura è per e dal principio esente dalla Linea, nella piena, riposante, costante ma non militante autonomia dell’iniziativa di S e A.

Milano, 15 gennaio 2009

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.