LE DUE CATTEDRE

Sabato domenica 6-7 dicembre 2008
in anno 152 post Freud natum

 

Lettura di:

Sigmund Freud
Bisogna insegnare la psicoanalisi nellUniversità?
OSF 9

Due sono le sedi di autorità quanto al pensiero
– tralascio ora di distinguere tra sapere e verità –
che sono due cattedre:
quella universitaria e un’altra, d’altra fonte,
dunque non parto dalla cattedra di Pietro che, se va bene, rientra nella categoria distinta da quella universitaria.

Il Vizio o una delle massime forme di esso, è quello che disconosce la seconda, con l’aggravante di imporre la prima a censura della seconda.

Questo vizio è sostenuto narrativamente da Dante, benché gli sia anteriore:
in Paradiso XXIV, XXV, XXVI, egli si laurea sostenendo con tre Prof. gli Esami di Fede, Speranza Carità, rispettivamente Prof. San Pietro, Prof. San Giacomo, Prof. San Giovanni:
l’ironia sui Prof. e la sessione di laurea, di vecchia data in me, è anche di Vittorio Sermonti.

Questa Laurea di Dante, o anche Maturità o Dottorato, mi ha sempre ricordato quello studente del mio Liceo, il Parini di Milano, che aveva ricevuto un premio cattolico per il migliore studente dell’insegnamento di Religione nella Diocesi:
ora, sapevamo tutti bene che questo studente, due anni davanti a me, era notoriamente miscredente, progenie di miscredenti e determinatissimo come futuro progenitore di miscredenti:
insomma, il mio compagno pariniano senior era un pronipote di Dante.

Diversi secoli dopo, la distinzione (tra autorità nel pensiero) si è riproposta senza censura grazie alla cattedra di Freud, d’altra fonte:
ne è venuto un articolo, di tormentata trasmissione e di non eccelso valore, dal titolo “Bisogna insegnare la psicoanalisi nell’Università?”

Nella Storia del cristianesimo il Vizio attraversa tutto il suo secondo millennio (con antefatti nel primo), e senza che qualcuno neppure si chiedesse “Bisogna insegnare il cristianesimo nell’Università?”,
e meno ancora la domanda “Questo insegnamento è la Teologia?”:
la storia dei Papi è primariamente quella della distinzione o confusione tra le cattedre.

Da anni propongo un gioco di parole non gratuito:
c’è una san(t)a sede del pensiero.

Rammento che abbiamo parlato più volte di un’“Idea di una Università”.

Milano, 6-7 dicembre 2008

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.