IERI A URBINO

Stanco dopo questo Convegno (vedi ieri), non ho tempo né voglia di scrivere il réportage del mio intervento.

Riferisco un solo pensiero (petrolio segue):
la grazia della natura, sgraziata come ognun sa, è il pensiero, che le dà la vita ossia il corso o senso o meta che in sé non ha:
il pensiero le fornisce la sua opportunità o condizione favorevole.

A sua volta, esiste una grazia per il pensiero?:
se sì, può soltanto essere un altro pensiero.

Quanto a “Dio”, lascio che (ci) pensi lui;
ma chi avrebbe mai pensato di mettere Freud dalla parte della grazia?
(se scrivere grazia o Grazia, provveda il lettore).

Milano, 5 dicembre 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.