“‘ETO PAURA?”

É uno dei miei ricordi cari riguardo a mio padre, veronese, verso il quale ho tardato a esternare riconoscenza:
prima o poi vorrei esternare le mie diverse riconoscenze verso di lui, ora mi accontento di una.

Su alcune cose si ripeteva con piacere e bene, poi ho capito che ci metteva dell’intenzione:
tra altre cose nel raccontare compunto-divertito questo breve dialogo rituale tra due contadini del contado veronese nell’incrociarsi su un sentiero, magari sul far della sera:
a conti fatti, dato che lui lo apprendeva nel primo Novecento, queste battute dovevano essere già attuali almeno nell’Ottocento:

–  “ ‘eto paura?” [hai paura?] – “Macché paura!”

e così il giorno dopo, o fra contadini diversi.

All’epoca la paura poteva riferirsi ufficialmente a miseria, carestia, malattia, morte, guerra …:
ma provate ora a sostituire alla parola “paura” la parola “angoscia”
– prima e dopo il Novecento –
come già nei due contadini del veronese.

Sono cose da Shakespeare:
leggete o rileggete “Macbeth”.

Milano, 1 dicembre 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.