OBAMA: DIARIO

Sabato-domenica 25-26 ottobre ho scritto:

“Potere:
non ce n’è”.

Intendo fare il diario del nuovo Potente del potere che non c’è:

egli lo ha sospettato quanto basta nello slogan “Yes we can”, che gli auguro con tutto il cuore di sapere e potere distinguere da “Provaci ancora Sam”.

Continuo a seguire un pensiero che introducevo nel 1977 (“La tolleranza del dolore. Stato Diritto Psicoanalisi”):

“Il buco tra impotenza e prepotenza non è mai stato colmato”.

Tutto resta da dire e ordinare sulla relazione tra pensiero e potere:

è la relazione che fonda “yes we can”.

Fino a Freud c’è stato quasi solo da ridire e disordinare, e dopo si è ricominciato con rinnovato algore.

Milano, 6 novembre 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.