LAPSUS POLITICO

Ho appena raccolto un lapsus in TV (Rai 3, martedì 4, Telegiornale, h. 14.30 circa):
la giornalista, informando sul significativo incremento di coloro che oggi vivono sotto la soglia di povertà, li ha caratterizzati, statistica alla mano, come “persone con ridotte capacità pers[  ] professionali”.

La brava giornalista penserà (ammesso che abbia pensato ciò che ha detto) che il suo lapsus faceva ingiustizia ai poveri nella loro persona:
ma no!, i poveri hanno ridotte capacità, sono brutti, ignoranti, ineleganti, puzzolenti eccetera, e lo sono proprio come persone, indipendentemente dalla professione, ed è questa l’ingiustizia:
ossia essi sono ciò che diversamente sono, nella loro miseria psichica o patologica, i non-poveri delle altre classi, con ridotte capacità e pari ingiustizia,
ossia brutti, ignoranti, ineleganti, puzzolenti:
basta che aprano la bocca, per esempio in TV, allora cambio canale per non sentirmi il fiato addosso.

Il suo lapsus diceva la verità, l’unica, che ha sempre la v minuscola.

Ho titolato “lapsus politico”, ma perché?:
il lapsus era ed è personale (come sempre), e per un istante ha avuto l’esistenza che merita, ossia con valore pubblico.

Lapsus “freudiano”?:
ridicolo, il lapsus è uno solo, Freud è quello che lo ha riconosciuto.

Milano, 5 novembre 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.