GIUSTIZIA

Sabato domenica 1-2 novembre 2008
in anno 152 post Freud natum

 

Lettura di:

Sigmund Freud
Trauma
OSF passim

Suggerisco di collegare il brevissimo articolo del 25-26 ottobre “Potere”, in cui sentenziavo “Potere: non ce n’è”, con quello di venerdì 24 ottobre “Obiezione!, e la giustizia”.

La Teoria tradizionale della giustizia correla l’ingiustizia con l’uso iniquo o almeno scorretto del Potere (sostantivo), e la giustizia al suo buon uso:
nessuno correla l’ingiustizia con l’impotenza, e la giustizia con il “potere” (verbo).

Si tratta di passare a collegare non più l’ingiustizia al potere ma all’assenza di esso.

É ingiustizia iniziale ogni atto (trauma) che priva il singolo della facoltà sovrana detta “pensiero”, superiorem non recognoscens, istituzione essa stessa, “divina”.

Giustizia è il potere di pensare ossia di imputare-giudicare l’accaduto, e di premeditare la legge dell’accadere, o l’appuntamento.

L’ingiustizia è l’impotenza, quella di cui il Potere iniquo
– di debolissima esistenza: anzi l’iniquità serve come prova teologica della sua esistenza –
è grottesche storiche forme.

La “miseria psichica” della Massa (Freud) è l’ingiustizia della massa.

Milano, 1-2 novembre 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.