PRENDERSI SUL SERIO

Suggerisco di non perdere l’occasione dell’articolo di ieri, “Il dolore e il petrolio”, e di rileggerlo.

In altri termini ancora:
conoscete certamente espressioni come “L’uomo è una m…!”, “Non bisogna prendersi troppo sul serio!”, ambedue (con tante altre) istigazioni a buttarsi via:
ossia alla diseconomia.

Il bambino, né stucchevole né pedante, si prende e prende sul serio (non è “narcisistico”).

L’imprenditore idem (quasi).

Non faccio che parlare della diseconomia, angoscia, dolore, che presiedono a povertà e patologia, ri-produttrici (non produttrici) di dolore e angoscia.

Quest’ultima la riconosciamo sì ma soltanto come sintomo da sedare, non la conosciamo come segnale di un insulto da imputare.

Freud avrebbe detto che la vera angoscia è “inconscia”, come il senso di colpa:
che non deriva dalla colpa ma la fa commettere.

Milano, 15 settembre 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.