PRETI

Dei preti parlerò anche un’altra volta
– anche se ricordo di averlo già fatto di passaggio a proposito del clericalismo non confessionale -:
per ora un semplice rilievo critico per loro, verso i quali ho sempre avuto e ho affetto e rispetto.

In misura marcata nell’ottocento e novecento, essi si sono preoccupati di insegnare alla “gioventù” (in genere maschile) a essere “buoni”, anziché a curare la vigna, vendemmia inclusa, seguita dalla vinificazione.

Succintamente, “buono” è un imperativo nevrotico-ossessivo, “superio”.

Ma non sono affatto contrario a questo aggettivo e predicato:
però accetto di predicarlo non per l’ente (bonum et ens convertuntur, Tommaso d’Aquino) bensì solo, o meglio anzitutto, per il produttore, non importa di che:
i preti dovrebbero saperlo dalla parabola dei talenti, da quella del figliol prodigo (produttore del bene di conclusioni corrette intorno all’esperienza dell’errore), dalla parabola del fico (produttore di fichi), eccetera:
diciamo così, il fico (albero, ente) non vale un… fico se non vale fichi.

L’ente vale sì, ma come materia prima:
il bene dipende dal lavoro (e non finisce qui).

Milano, 15 luglio 2008

 

close

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.