PRATICA E GRAMMATICA, O LA RIVOLUZIONE

C’è il vecchio detto, forse ottocentesco:
“Vale più la pratica che la grammatica”:
ma in altre forme è plurimillenario, intendo una peste antica.

“Fatti non parole!”:
ne ha uccisi più della spada.

L’Università moderna supporta quel detto, non diversamente da quella medioevale:
ecco perché ho un’altra idea di Università.

La differenza tra psicoanalizzato o no è tutta qui:
il primo ha scoperto, dunque sa, che la grammatica è pratica al primo posto.

É una rivoluzione mondiale, e plurimillenaria.

Milano, 18 luglio 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.