OMNIS CREATURA BONA

Ho già dato più esempi del fatto che il gergo triviale, le “parolacce”, perfino le bestemmie, condensano in sè, congelate, risorse insospettate.

Rendo presente un esempio che arriva fino a intercettare una frase celebre di Tommaso d’Aquino:
Omnis creatura bona” (Quaestiones disputatae, Quaestio 21).

Il fatto linguistico è emerso in una seduta da parte di un paziente colto, accompagnata dalla suddetta citazione:
egli domandava, anzi quaestionabat, se fosse stato davvero un bene l’avere incontrato in treno quell’incanto di sconosciuta figura femminile che poi lo aveva lasciato, come si dice, “così”.

Il fatto gergale era la parola “bona”, magari pronunciata romanescamente con due “b”:
e non possiamo escludere che tale fatto sia nato proprio come i Carmina Burana, ossia da studenti colti (anche di Tommaso d’Aquino) con spirito dialettico spiritoso.

Tommaso, uomo di insospettabile onestà intellettuale, di fronte a questa interpretazione della sua “bona”, sarebbe stato capace di completare, eventualmente rivedere, la sua Quaestio?:
rispondo di no:
se l’avesse fatto avrebbe anticipato Freud, che correlava καλός e αγαθός con la differenza dei sessi:
dico la differenza, niente porno né débauche o concupiscentia.

Bisogna rifiutare rispetto a qualsiasi disquisizione sul Bene e il Bello, antica o moderna, che non sia passata, e risolutivamente, per il pensiero:
è il pensiero ad annettervi meta-fisicamente i sessi in quanto differenziati:
la natura non annette, al più ammette (qualche castigatissima camporella animale):
quell’annessione è un caso di ciò che chiamo “pensiero di natura”, pensiero e basta.

Nel caso contrario, il mio pensiero va a Platone per primo (almeno il Simposio), che con il Bello correlava solo la m… (notoriamente priva di differenza sessuale).

Nessuna morale ha mai ammesso e meno ancora annesso tale metafisica:
fino al punto che sentir dire “il Bene” e “il Bello” a prescinderne, è un insulto per il pensiero, il gusto, il giudizio:
altro caso di imputabilità.

Milano, 4 giugno 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.