JOHN DONNE, O IL RITORNO DEL RIMOSSO

Do seguito all’articolo di ieri pubblicando ciò che ricevo da Glauco Maria Genga, questi versi da lui raccolti [*] di John Donne:
poeta inglese, 1572-1631, cronologicamente, storicamente e spiritualmente vicino a Shakespeare, 1564-1616, poeta della sovranità:

Tis all in peeces, all coherence gone;
All just supply, and all Relation:
Prince, Subject, Father, Sonne, are things forgot

Tutto ciò in pezzi, ogni coerenza andata;
Ogni soddisfazione, e ogni relazione:
Principe, Suddito, Padre, Figlio, sono cose dimenticate

G. M.Genga ha subito osservato che il Poeta parla della sovranità (perduta).

Appongo un commento semplice:
nella coerenza (parola del testo) della serie di termini, il Soggetto-suddito appartiene all’identico genere e dunque livello degli altri termini, non alla coppia superiore-inferiore:
non è an-archico, ha l’identica αρχή.

Frantumazione e dimenticanza un momento dopo sono fatte diventare sistematizzazione (dei cocci) e omissione razionalizzata:
tolto il Principe-principio, il “Potere” frantumato e impotente si fa pura opera di sistematizzazione,
e il Soggetto-principio si omette da sé, e chiama “libertà” la sua auto(di)gestione.

Che altro occorre per rammentare la norma psicoanalitica di non sistematizzazione e non omissione?,
e gli psicoanalisti, come hanno potuto non accorgersi che la norma della loro tecnica ha di mira, nella medesima coerenza, psicopatologia e Storia della civiltà?

Ma frantumazione e dimenticanza (i due tratti maggiori della psicopatologia) hanno reso almeno un servizio salutare:
quello di obbligare a cogliere quell’identità di genere, che era già stata frantumata e dimenticata in precedenza senza parere pur apparendo (si chiama “fare finta”).

Le linee di frattura e oblio preesistevano, ossia eravamo già arrivati “alla frutta” di un cattivo pasto:
il Poeta descrive il ritorno del rimosso, il quale significa semplicemente che i sospesi sono a termine, come i crediti non onorati:
il tempo presenta avaramente il conto.

Nell’articolo di ieri, ma già prima, facevo risalire la rimozione a poco meno di venti secoli fa:
è il peccatum dell’era cristiana, la più imponente rimozione della storia.

___________

[*] Di cui darà conto imminente in www.studiumcartello.it .

Milano, 2 giugno 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.