UN SOGNO-MANIFESTO

C’è qui gioco di parole
– latente/manifesto: mi sembro di quelli che spiegano le barzellette -,
allo scopo di ribadire che il latente del sogno è pubblico, manifesto, mentre quell’incosciente della coscienza privatizza tutto come condizione per mantenere la censura.

Questo sogno è breve, condensato:
allo squillo del telefono il sognatore esclama:
“É per me!”:
ora una telefonata in arrivo, eccitamento da stimolazione sensoriale, è comunemente  detta “chiamata” a buon titolo (sinonimo di “vocazione” come vado ripetendo).

Osservo che nella frase del sogno c’è certezza:
che è una chiamata ossia la prima delle certezze, tutt’uno con l’intenzione di “prenderla” (altra parola ben capitata dell’uso comune).

La frase dice predisposizione all’eccitamento, senza preliminare obiezione a esso:
l’ostilità, l’homo homini lupus, non inizia come ostilità all’homo bensì all’eccitamento:
l’innamoramento è gli è ostile, e lo omette, è ostile ai “preliminari” (che non sono esattamente quel che si crede):
nulla a che vedere col prendere a scatola chiusa (caso dell’innamoramento):
“è per me” esclude solo l’obiezione di principio.

“É per me” in quanto eccitamento, è il pre-testo della relazione possibile, che nell’innamoramento manca (il pretesto e la relazione).

Se dietro lo squillo ci fosse una ragazza, sarebbe una ragazza-squillo?

Milano, 15 maggio 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.