SINISTRO !, O LA SCIENZA CON GLI STIVALONI

Sono sorpreso dalla recente copertina di Micromega, rivista degna di rispetto e fatta da persone al di sopra di ogni sospetto (Supplemento al n. 3, 2008):
tre scienziati (Galileo, Darwin, Einstein), severi in volti e abiti, glaciali, minacciosi, stilisticamente inquisitori, recitano all’unisono un unico fumetto:
“Tremate tremate, le scienze son tornate”.

Non indago sulle intenzioni editoriali, ma prendo occasione per commentare:
sinistro!,
manca solo una marcia militare, e non allegramente mozartiana:
per il vero, nell’antefatto femminista la marcia c’era già, ma nello slogan d’epoca c’era ancora del gaio
– streghe cioè isteriche anziché scienziati: e le isteriche hanno messo in crisi gli scienziati, che non le amano -,
che qui ha ceduto il posto a un imperativo minaccioso, allusivo a invisibili stivaloni di moderne, scientifiche schiere celesti
– le schiere sono sempre celesti, mentre le streghe sono ancora terrene -,
agli ordini di una Trinità di killer:
complimenti al disegnatore per la vignetta da umorismo nero scientifico.

Nell’ordine imperativo-prescrittivo conosciamo un caso che è ancora mite, perfino bonario, quello della “prescrizione medica” cosiddetta, che significa prescrizione scientifica da scienza applicata (un antibiotico è scienza applicata):
ma fin qui le cose vanno ancora bene perché, almeno per oggi, siamo in un’epoca capace di intendere che quella medica non è affatto e in nessun modo una prescrizione, bensì un consiglio lasciato al buon senso, che è un caso della competenza individuale, del malato:
ma se in capo alla “prescrizione medica” poniamo le tre facce sopra descritte, con il loro slogan che è un programma prescrittivo, la prescrizione medica passa da cosiddetta a detta-e-fatta:
veramente sinistro!

Ometto ogni passaggio già fatto in precedenza sui limiti, demarcazione, della scienza (sono i limiti a farla scienza), per concludere con la conclusione implicita a quello slogan, che è l’ossimoro più grave:
il Governo scientifico.

Ma in fondo è lo stesso ossimoro di un secolo fa:
la Psicologia scientifica.

La scienza è un particolare limite imposto alla competenza (individuale come tale, o “psicologica”: scrivo ormai sempre che l’individuo ne è la san(t)a sede):
ogni limite alla competenza produce un danno, a eccezione di un caso fruttuoso, direi perfino fecondo:
è il caso della scienza, un sapere ritagliato nel suo limite rispetto al sapere della competenza:
la rottura del limite uccide la competenza con il suo sapere, e uccide anche la scienza.

La psicoanalisi, distinguendosi nel sapere, è amica della scienza, che non ha molti amici.

Milano, 9 maggio 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.