MOVIMENTO DI LIBERAZIONE DELLA (MA)DONNA (bis)

Accolgo il suggerimento di riproporre l’articolo di ieri:
ne trovo ragione nel Seminario di ieri stesso all’Università di Urbino promosso da G. Pediconi in cui si è trattato, anche da parte mia, del Padre in “Totem e tabù” di Freud, con importanti novità, tra le quali:

1. la massima rilevanza data al fatto che “Totemismo” significa Istituzione, Ordinamento civile, non robetta da selvaggi più selvaggi di altri e fissati su animaletti (dobbiamo a Freud la scoperta che non esistono selvaggi ma nevrotici, il cui status è civile-culturale),

2° che il Totemismo non è in alcun modo Religione, e che a questa costatazione non è mai stato riconosciuto il dovuto e immenso rilievo,

3° che in una Tribù composta di dodici Clan, la proibizione dell’incesto è interna a un solo Clan, lasciando le cose libere riguardo agli altri undici, e che dunque la proibizione giuridica non procede da una morale riguardo ai sessi, e non perché questi siano lasciati a una pura legge naturale appunto da “selvaggi” come a loro volta animaletti lubrichi (“concupiscenti”).

Altre novità seguiranno per rendere almeno pensabile la correzione dell’errore plurisecolare.

Si legga o rilegga il testo di ieri, intatto:

Movimento di liberazione della (Ma)donna

PS

Non si riesce a dire tutto, verrà un seguito.

Il caso della (Ma)donna come donna riuscita, è quello di una donna che assume in proprio la legge paterna,
e senza il delirio di una distinta “legge materna”.

Non parlo di “identificazione col Padre” solo per non riprodurre un equivoco che da anni voglio risolvere.

L’incorporeità di cui ho detto è quella della legge come tale
– quella paterna è legge di rapporto per il profitto -,
che è incorporea per definizione, nel suo essere legge di moto dei corpi.

Milano, 19 maggio 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.