LA SCELTA DELL’ASINO

Succede che di fronte al cibo qualcuno si ponga un problema di scelta
– mangiare/non mangiare: non mangerà -:
la diagnosi è di anoressia.

I danni della scelta non sono ancora calcolati, il computer stesso benché calcolatore si confonderebbe.

C’era una volta l’asino di Buridano
– anche se Giovanni Buridano (fine 1200-dopo 1358), un filosofo rispettabile, non era uno sciocco come l’asino che gli è stato proditoriamente attribuito -, che poi sarebbe un asino anoressico asservito alla compulsione della “scelta”.

Sappiamo però che un asino pranzerebbe benissimo con uno dei cumuli di fieno eguali e equidistanti, lasciando l’altro per la cena, ossia non sprofonderebbe nella frivola-seriosa equivalenza filosofica tra l’essere e il nulla:
ecco un caso in cui l’uomo farebbe bene a imparare dall’asino:
infatti nessun asino è tanto… asino da scegliere fino a morire di fame.

In generale, alla filosofia medioevale sfuggiva la patologia dello spirito (o psicopatologia), e in ciò la filosofia moderna non si è minimamente discostata:
ecco perché dico che la Modernità non è iniziata, se non con Freud:
fosse vero che il filosofo medioevale e moderno sapessero riconoscere nell’“asino di Buridano” una patologia contestuale al tessuto filosofico stesso, e certo non l’unica!

La diagnosi non è necessariamente di anoressia, basta essere un po’ versati nella diagnosi differenziale – mai difficile a condizione di sapersi porre il quesito, come tra svenimento epilettico e isterico -:
in questo caso può trattarsi di nevrosi ossessiva, ossia di quel dubbio metodico da cui Cartesio avrebbe fatto meglio a lasciarsi ammaestrare prima di pronunciarsi:
in essa uno si trova veramente nell’imbarazzo della scelta, laddove l’imbarazzo deriva proprio dal pensiero coatto “scegliere”  (frasi del tipo: “… o no?”):
vero che a volte ci si trova, a opera della situazione esterna, coatti a scegliere, ma è un onere.

La parola “libertà” è divenuta oscurissima, ammesso che sia mai stata chiara:
il suo uso pertinente ha inizio con l’eccitamento(-vocazione) in quanto recepito per ciò che è,
ossia non una causa bensì un’eccezione al mondo delle cause, come tale in-eccepibile, salvo obiezione di principio, o eccezione di principio che è una contro-eccezione.

Ogni discorso vocazionale della storia ha coartato religiosamente(-compulsivamente) il concetto di vocazione-eccitamento (esente dalla causalità naturale), tutt’al più concependo il passaggio dalla religione alla secolarizzazione, ossia non un gran che (M. Weber), e restringendo il concetto stesso di economia.

L’eccitamento è un plusvalore iniziale e gratuito anteriore alla produzione capitalistica di plusvalore:
non sarei il primo a associare libertà e gratuito (la “grazia”, ma chi ci ha capito qualcosa?)

É vero che il peccato umano è la disobbedienza, ossia la mancata soggezione, ma è la disobbedienza all’eccitamento:
in mancanza di tale sottomissione ci si sottomette a tutti i padroni, fino all’infamia oltre alla servitù.

Resta da parlare della “scelta” della nevrosi, e in generale della patologia.

Milano, 30 maggio 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.