NOTE A SCHNITZLER *

Un aforisma di A. Schnitzler:

“Senza la nostra fede nel libero arbitrio [Nota 1] la terra sarebbe il teatro non soltanto delle più terribili assurdità, ma anche della più insopportabile noia. L’assenza di responsabilità [Nota 2] annulla ogni esigenza etica e la vanifica nel suo stesso presentarsi alla coscienza; senza il senso di responsabilità l’io non sarebbe più l’io, e la terra non sarebbe più il teatro di commedie e di tragedie vissute da uomini, ma si trasformerebbe in una ridicola farsa fra pulsioni libere di comandare [Nota 3], che accidentalmente si impersonificano in un individuo o in un altro.”

[1] L’espressione “fede nel libero arbitrio” è priva di senso:
il libero arbitrio è una questione di sapere, non di fede (né di teologia).
Del resto, anche la fede è una questione di sapere se definita, come propongo da anni, come giudizio di affidabilità:
senza di che resta la parola più oscura e inaffidabile dell’umanità, senza fede anche nei massimi e perfino più sacrificali pronunciamenti.

[2] La responsabilità è legittima in certi casi formalmente definiti, fuori dai quali può spingersi e all’estremo si è spinta fino ai peggiori crimini contro l’umanità, tutti in nome della Responsabilità per il Mondo, la Nazione, l’Umanità.
Nella frase di Schnitzler essa va sostituita con “imputabilità”:
cambia tutto, per il singolo, il mondo, la nazione, l’umanità.
Sull’imputabilità si fonda il sapere quanto al libero arbitrio:
da tempo ho condensato il pensiero di H. Kelsen nella frase “L’uomo non è imputabile perché libero, è libero perché imputabile”.
Ho mostrato che la psicoanalisi si allea con questa frase.

[3] “Libere di comandare” è un ossimoro:
non c’è libertà nel comandato ma neppure nel comandante.
La legge di moto dei corpi umani (“pulsione” prima della corruzione patologica) non è comando (causalità naturale o morale) bensì norma di profitto (unione di diritto e economia).

____________

* Arthur Schnitzler (Vienna 1862-1931), Sulla psicoanalisi, SE, Milano 2001, Cap. Responsabilità e inconscio, raccolta di aforismi di ardua datazione (pubblicati dall’Autore nel 1927).

Milano, 15 aprile 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.