L’ INTELLIGENZA DELL’IMBECILLE CRIMINALE

Ho sempre sentito Bucchi un compagno, come recentemente nel suo ultimo dialogo sui massimi sistemi (“La Repubblica”, 13 marzo):

– Le neuroscienze ipotizzano che sia possibile pensare dieci volte più velocemente.

– Ecco il perché di tanti imbecilli.

Questa volta non ho voglia di diffondermi in tante articolazioni e di trarre conseguenze:
mi accontento di rimandare alla “fretta” denunciata da Freud della quale ho parlato più volte, e di aggiungere che l’autore non aveva bisogno di leggere Freud per trarre la sua deduzione.

A Bucchi manca (al momento) solo la connessione tra imbecille e criminale (a presto).

Milano, 3 aprile 2008

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.