L’ INTELLIGENZA DELL’IMBECILLE CRIMINALE

Ho sempre sentito Bucchi un compagno, come recentemente nel suo ultimo dialogo sui massimi sistemi (“La Repubblica”, 13 marzo):

– Le neuroscienze ipotizzano che sia possibile pensare dieci volte più velocemente.

– Ecco il perché di tanti imbecilli.

Questa volta non ho voglia di diffondermi in tante articolazioni e di trarre conseguenze:
mi accontento di rimandare alla “fretta” denunciata da Freud della quale ho parlato più volte, e di aggiungere che l’autore non aveva bisogno di leggere Freud per trarre la sua deduzione.

A Bucchi manca (al momento) solo la connessione tra imbecille e criminale (a presto).

Milano, 3 aprile 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.