IL QUADRETERNO

In un quadro si può dipingere qualsiasi cosa, tutto e il contrario di tutto, ma resta la fissazione al quadro:
al chiodo inseparabile dal quadro.

Nessuna specie di emancipazione l’ha neppure scalfito, né comunismo o anticomunismi, né femminismo, moralismo o immoralismo, movimento gay, anarchismo, fondamentalismo, terrorismo, formalismo, scienza o occultismo, religione o irreligione, occidente o oriente…

Senza confessarlo tutti hanno sperato, non irragionevolmente, almeno nel Capitalismo, tanto da rilanciarlo globalmente:
ma quadro e chiodo restano.

Del quadro ho spesso parlato nei suoi nomi:
fantasma, Idea, Oggetto.

Lo chiamo anche il Quadreterno.

Sociologicamente, il quadro per lo più si fissa a un territorio, ma le cose non cambiano se il chiodo si sposta freneticamente:
anzi il chiodo mobile serve a creare l’illusione del movimento perlomeno in alcuni privilegiati.

Il quadro è la provincia, che preferisce la …  provincia per affinità elettive, ma resta provincia anche in jet:
e non buttiamola in scienza, anche le galassie sono provincia.

L’Isteria discute il chiodo (spostandolo), non il quadro.

Passano i cieli e la terra, ma non passa il Quadreterno.

Dante ha messo il Quadreterno in Inferno, Purgatorio, Paradiso:
non si vede la novità:
il Quadreterno fa concorrenza eterna al Padreterno.

Che la soluzione sia il Nirvana?:
dopo il Buddha, Freud ne è stato interessato:
se il Nirvana fosse soluzione al Quadreterno sarei buddista (à suivre).

Milano, 23 aprile 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.