QUANDO DORMO

Scrive Kierkegaard:
“Non so dimenticare me stesso, nemmeno quando dormo”.

Ha torto:
quando sogno non mi penso, non mi ho come oggetto:
penso a un affare (“desiderio”), a come venirne a capo ossia lavoro, alla condizioni che fanno ostacolo.

Non c’è “narcisismo” nel sogno, proprio perché è centrato sul lavoro, che il narcisismo (e l’innamoramento che ne è un caso) esclude.

Sono convinto che neppure Kierkegaard facesse sogni narcisistici:
eccetto che per farmi dispetto se fossi il suo analista.

Affare, lavoro, ostacolo, sono termini universali, non “particulari” né bottega.

Milano, 11 gennaio 2008

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.