UN ANNO DOPO …

Quasi tutti i matrimoni prevedono la presenza degli amici degli sposi.

Almeno alcuni di loro si chiedono se questi si amano.

Due sono i casi, basta aspettare un anno:

1° dopo un anno gli amici assisteranno sbalorditi al fatto che i due si detestano in tutte le variabili del caso:
i meno sagaci si diranno: “Ma come!, erano così innamorati!”:
appunto!

2° dopo un anno gli amici osserveranno:
che i due sono diventati più belli, più intelligenti, più pacifici, più  ricchi eccetera:
e allora concluderanno, correttamente, che si amavano.

L’amore è un dato di osservazione.

Ci sarebbe anche un terzo caso, molto comune, quello in cui i due si sopportano:
ma anche questo è un dato di osservazione, che rientra come variante del primo caso.

L’importante è che “amore” abbia o no significato.

L’amore è fare posto all’altro, affinché sia attivamente occupato:
dico posto, non donativi quantunque benvenuti contingentemente:
non è il dono il segno dell’amore.

Fare posto è il caso della psicoanalisi:
è lo psicoanalista a fare posto per primo (lo chiamiamo tecnica psicoanalitica).

La guarigione è che il “paziente” passi a fare posto anche lui, cosa non assicurata in partenza:
in partenza isteria, ossessione, non lo fanno, seguite dai loro succedanei (psicosi, perversione).

Milano, 20 dicembre 2007

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.