IMBRANATO

Voce gergale alpino-veneta, che significa imbrigliato, inibito nel moto.

Essa rende un cattivo servizio:
penso di renderne uno buono ai miei pazienti quando non glielo lascio passare proprio in quanto vorrebbe significare “sono fatto così”, cattiva anzi malvagia “oggettività”.

Cioè è una voce della censura, censura del fatto che prima c’è stato un trauma che ha reso imbranato.

Il trauma di cui parlo è imputabile:
è contro l’imputabilità che agisce la censura.

L’essere imbranato mi ri-guarda:
è un oggetto che guardo affinché mi guardi a sua volta, e comandi.

Idem “intelligente” o il contrario, “buono” o il contrario, eccetera.

“Imbranato” è un avvenimento, databile, quantunque inibitore di avvenimenti.

Milano, 4 dicembre 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.