UN SOGNO COME TRIBUNALE ECCLESIASTICO

Una paziente, o cliente, sogna di recarsi insieme al marito nell’appartamento effettivamente poi occupato dalla coppia dopo il matrimonio, e sito al secondo piano dello stabile:
senonché nel salire le scale è assente la seconda rampa,
anzi è assente solo per lei mentre gli altri, marito compreso, riescono a proseguire.

Qui l’“inconscio”
– cioè il pensiero rimasto sempre valido, ma troppo costosamente e timidamente impegnato a spendersi per giocare la censura, ossia per tenere conto della Forza di occupazione –
ha agito come un Tribunale Ecclesiastico:
ha concluso che non c’era stato nessun matrimonio, con sentenza di nullità.

Nel pensiero di questa donna – e indubbiamente anche del marito – mancava il pensiero “coniugio”, e dunque non c’era stato coniugio.

Resta poi da distinguere tra nevrosi e psicosi:
qualcuno capisce qualcosa di ciò che dico?.

Milano, 29 novembre 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.