SCACCHI, GUERRA, ECONOMIA, INTELLIGENZA (FLAUBERT)

Ancora da G. Flaubert (come ieri), “Dizionario delle idee comuni”:

Scacchi:
Immagine della tattica militare.
Tutti i grandi Condottieri erano abilissimi [giocatori].

[e soprattutto]:

Troppo serio come gioco, troppo futile come Scienza”.

Notevole, notevolissimo, se solo si prende nota del fatto che G. Flaubert è morto nel 1880, mentre la Teoria dei giochi, detta anche Strategia, è nata più di sessant’anni dopo, nel 1944, con il libro “Theory of games and economic behavior” di J. von Neumann e O. Morgenstern del 1944 (un matematico e un economista).

La stessa guerra in Irak è stata decisa strategicamente (matematicamente) sulla base della Teoria (matematica) dei giochi:
e ormai sappiamo che – spargimento di sangue a parte che a nessuna Strategia importa – non è stata una “mossa” molto intelligente.

L’intelligenza continua a essere rimandata (= rimossa).

Anni fa osservavo che le stesse nevrosi ragionano strategicamente:
fallimentarmente.

Milano, 26 novembre 2007

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.