SENZA SCRUPOLI

Gli scrupolosi sono proprio… senza scrupoli.

Ogni assassino di professione è scrupoloso nel suo esercizio, così come i torturatori professionisti.

Lo scrupolo è una patologia, proprio come i cerimoniali ossessivi e altri sintomi (non sto dicendo che la criminalità è un sintomo).

Eppure l’espressione “essere senza scrupoli” è diventata segno o sospetto di criminalità, o almeno di immoralità e inaffidabilità.

Il linguaggio è colonizzato da questi equivoci che corrompono il pensiero.

C’è tutta una famiglia di espressioni come questa:
“capace di tutto”, “dove andremo a finire?”, “certe cose non si pensano neppure” – proseguite voi la lunga lista -, tutte espressioni della censura o inimicizia contro il pensiero.

Sono espressioni della violenza di una Cultura che cancella scrupolosamente le tracce della propria censura.

Una persona sana e morale è senza scrupoli.

Non esistono santi scrupolosi.

Milano, 14 settembre 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.