ANGOSCIA E TATUAGGIO

Il tatuaggio è una promessa di fedeltà eterna a un amore che non c’è:
ci sono più forme storiche di tatuaggio, invito a elencarle.

L’angoscia è la minaccia irresistibile di perdere l’amore che non c’è:
ecco che cosa significa che l’angoscia è senza oggetto.

Eravamo stati sedotti – no: corrotti – a credere nell’Oggetto “Amore”.

Minaccia per ogni disobbedienza anche solo pensata, anzi proprio perché pensata, al Decalogo di un tale Amore:
in tutti i suoi articoli, ma anzitutto al primo: “Non avrai altro Amore al di fuori di me”.

In paragone, il Decalogo biblico e il Dio che gli corrisponde è un paradigma di mitezza e misericordia:
l’angoscia pesa più di dieci Diluvi.

Il tatuaggio significa che mi imprimo il segno di una Presenza assente alla quale dedicherò la vita, con tutti i sacrifici miei e altrui.

Occultismo del massacratore o del massacrato.

“Mi tatuo dunque è”.

Mafia o Yakuza dell’Amore.

Con questo astrattissimo Oggetto (tra altri Oggetti nel Cielo stellato dell’Oggetto), ci si dà una Causa:
purché sia tale non importano i costi, ossia le vittime.

Se esiste il coraggio, questo è del pensiero, che a questa minaccia cede.

Milano, 17 settembre 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.